Talent Garden Cosenza, l’innovazione digitale che parte dalla Calabria

Il nostro viaggio alla scoperta dei partner della Creative Business Cup 2016 ci porta in Calabria, per conoscere meglio il team di Talent Garden Cosenza, CoWorking Campus che ospita innovatori del settore digitale e non solo. Obiettivo del Talent Garden Cosenza è quello di aiutare questi innovatori a crescere nel proprio settore, supportandoli con uno spazio fisico dove lavorare e incontrarsi, ma anche con una comunità di creativi, parte integrante e propositiva di un network globale di comunità digitali che supportano ed accelerano l’innovazione digitale.

Conosciamoli meglio 🙂

foto-team-tag-cosenza

1. In che modo la vostra organizzazione supporta le industrie culturali e creative?
Talent Garden Cosenza offre un network di relazioni locali, regionali e nazionali che viene messo a disposizione di chiunque abbia una valida idea di impresa. La nostra community si compone di validissimi professionisti e aziende che operano nel campo delle nuove tecnologie, della creatività e del design. Questa tipologia di ambiente offre una contaminazione continua tra esperienze ed idee.

Per le industrie culturali e creative proviamo ad offrire supporto alla progettazione, workshop e momenti di approfondimento sullo sviluppo di competenze manageriali e imprenditoriali. Proviamo anche a costruire reti di servizi che possano migliorare il rendimento degli operatori culturali sia in termini di efficacia dei progetti che di efficienza e sostenibilità economica.

Nel nostro portfolio abbiamo un progetto molto importante, Giovani&FuturoComune, che stimola il fare impresa nei giovani under 20 attraverso la valorizzazione dei beni comuni. Da questo progetto sono nate due startup, una incentrata sul turismo culturale legato alla gastronomia e l’altra sulla rigenerazione urbana attraverso l’organizzazione di contest ed eventi di arte contemporanea. Le due startup vivono nella community di TAG e a loro offriamo coaching e consulenza per sviluppare il proprio core business.

2. Che valore può avere una competizione come la Creative Business Cup per le imprese creative Italiane?
Le business competition hanno un grande valore aggiunto, ovvero la capacità di mettere a confronto e insieme tutte nello stesso momento una serie di idee, visioni e approcci differenti. Guardando al panorama delle imprese creative italiane, non si può fare a meno di notare l’enorme distanza tra nord e sud: una competition però spesso riesce ad annullare queste distanze e i gap di cui spesso soffrono i territori dove le imprese creative provano a nascere. Allo stesso tempo le “startup” hanno la possibilità di contaminare aziende con più esperienza ma che non riescono ad innovare.

3. Tenendo conto che i criteri di selezione della competizione sono originalità, creatività, scalabilità, impatto sociale delle proposte, cosa suggerireste a chi sta partecipando alla CBC Italia 2016?
Non è semplice dare dei suggerimenti, probabilmente diremmo loro quello che pensiamo da diverso tempo ovvero che sono le risorse e i capitali che possiedono i nostri territori il valore aggiunto delle idee di impresa che possono affermarsi nel nostro Paese.

La semplicità a volte è la migliore delle innovazioni possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *